Delitto Gioitta, 33 anni senza giustizia

da

24 Novembre 2023

Giornale di Sicilia

Venne ucciso come un mafioso ma non era un mafioso. Gli spararono  prima alle spalle e poi il colpo di grazia: un proiettile dritto al cervello. Una vera e propria esecuzione. Con un coltello poi gli tagliarono la gola, per lanciare un messaggio intimidatorio a tutti coloro che non si piegavano al pizzo. Sono passati 33 anni da quell’efferato delitto. Era il 21 marzo 1990 quando Nicola Gioitta, originario di Siracusa ma con una gioielleria aperta nella via principale di Niscemi, intorno alle 9 del mattino, venne ammazzato, a soli 28 anni, per non per essersi piegato al pizzo.

Articoli recenti

(Ri)diamo il benvenuto a Dadabio nella rete di Addiopizzo!

Cambia gestione, ma non la sua adesione alla rete e ai valori di Addiopizzo: parliamo di Dadabio,...

«Cosa nostra non è stata ancora sconfitta»: la messa in guardia all’inaugurazione dell’Anno giudiziario

Si è tenuta a Palermo, sabato 27 gennaio, la cerimonia di inaugurazione dell’Anno giudiziario...

131 anni fa l’omicidio di Emanuele Notarbartolo

Il primo febbraio di 131 anni fa veniva compiuto il primo omicidio eccellente di mafia: quello di...

Ricordando Antonio, Pietro Vincenzo e Salvatore Spartà

La sera del 22 gennaio 1993 la mano mafiosa strappava alla vita Antonio Spartà e i suoi due figli...

Anche Porto Costanza dice “addio” al pizzo!

Accogliamo nella rete delle imprese di Addiopizzo “Porto Costanza”, il ristorante che il 28...

Servizio Civile Universale, al via il nuovo bando

Scegli di fare il Servizio Civile Universale con Addiopizzo, un’esperienza formativa di un anno...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE