Trent’anni fa il rapimento del piccolo Giuseppe Di Matteo

da

24 Novembre 2023

la Repubblica Palermo

Il 23 novembre di trent’anni fa, il boss Fifetto Cannella corse nel garage di vicolo Guarnaschelli, a Brancaccio, dove un commando era già riunito, in attesa della battuta: «U picciriddu è arrivato al maneggio di Villabate», disse. E partirono su due auto che avevano i lampeggianti, come quelli della polizia. Fu Salvatore Grigoli, il killer che due mesi prima aveva spara-to a don Pino Puglisi, a dire al pic-colo Giuseppe Di Matteo, il figlio dodicenne del collaboratore che stava svelando i segreti della strage di Capaci: «Siamo della prote-zione, dobbiamo portarti da tuo padre». E il bambino rispose: «Sì, sangu di me patri».

Articoli recenti

(Ri)diamo il benvenuto a Dadabio nella rete di Addiopizzo!

Cambia gestione, ma non la sua adesione alla rete e ai valori di Addiopizzo: parliamo di Dadabio,...

«Cosa nostra non è stata ancora sconfitta»: la messa in guardia all’inaugurazione dell’Anno giudiziario

Si è tenuta a Palermo, sabato 27 gennaio, la cerimonia di inaugurazione dell’Anno giudiziario...

131 anni fa l’omicidio di Emanuele Notarbartolo

Il primo febbraio di 131 anni fa veniva compiuto il primo omicidio eccellente di mafia: quello di...

Ricordando Antonio, Pietro Vincenzo e Salvatore Spartà

La sera del 22 gennaio 1993 la mano mafiosa strappava alla vita Antonio Spartà e i suoi due figli...

Anche Porto Costanza dice “addio” al pizzo!

Accogliamo nella rete delle imprese di Addiopizzo “Porto Costanza”, il ristorante che il 28...

Servizio Civile Universale, al via il nuovo bando

Scegli di fare il Servizio Civile Universale con Addiopizzo, un’esperienza formativa di un anno...
ULTIME DAI GIORNALI
5x1000 Addiopizzo
Rete imprese PIZZO-FREE
Addiopizzo TRAVEL
Addiopizzo STORE